Fawad 

Raufi

Dall'Hindu Kush alle Alpi

E’ un libro testimonianza, la cronaca umana e sofferente di un insegnante che diventa migrante per salvare la sua vita, iniziando un viaggio attraverso il continente asiatico e i boschi della rotta balcanica, un viaggio attraverso undici paesi percorrendo oltre undicimila chilometri, di cui una parte a piedi.

 È nato in una città devastata da una guerra infinita, dove ogni minuto potrebbe essere l’ultimo. Ha respirato – a ogni attentato, a ogni bombardamento – inquietudine e paura. E un giorno, come migliaia di altri giovani dell’Afghanistan, ha deciso di partire. Affidando soldi e speranze a quella rete di mercanti di uomini che assicura ai migranti un illusorio “viaggio tranquillo”. Sono stati invece mesi terribili, quelli che Fawad racconta in questo libro-verità, pieni di amarezza e dolore, di privazioni e angoscia ma anche di speranza. Fino al sofferto arrivo in un Paese dove oggi può ammirare montagne molto diverse da quelle di Kabul, ma altrettanto belle. Perché hanno il sapore della libertà.

Sfogliando le pagine del libro si ha davvero l’impressione di camminare con l’autore in un percorso terribile e disumano, ma anche pieno di momenti di solidarietà, perché Fawad, nonostante tutto non si arrende mai alla sofferenza, ma continua a credere in un mondo di pace, in una sola umanità. 




Biografia:

Fawad e Raufi è nato nel 1991 a Kabul, in Afghanistan, una città devastata da una guerra infinita, dove si è laureato ed è diventato insegnante di Storia e letteratura persiana.

A sedici anni si è innamorato dei libri e ha iniziato a scrivere poesie, romanzi, racconti di vita vissuta.

Con la penna, sua fedele compagna dipinge i suoi pensieri. Scrivere è la sua vita.

Dal 2016 vive in Italia, dove lavora come mediatore culturale e linguistico.

Nel 2018 ha pubblicato il libro “Dall’Hindu Kush alle Alpi – Viaggio di un giovane afghano verso la libertà”, Zel Edizioni. 

Fawad e Raufi scrive per lasciare traccia, il suo è un grido di chi vive nel silenzio dentro il fragore della guerra, è la voce soffocata di un popolo che sta morendo nell’indifferenza di tanti, è un messaggio di pace, di libertà per tutti, ma soprattutto per i giovani, per chi non sa cos’è la guerra e il viaggio infernale attraverso la rotta balcanica.

Tra breve sarà pubblicato il suo secondo libro “Ultimi respiri a Kabul - Tra la neve bianca e i lupi neri”. 

Come poeta si sta dedicando ad una raccolta di poesie.


Su Fawad Raufi

Contatta l'autore attraverso la biblioteca

La tua richiesta sarà inoltrata 

3 Foto copertina2
5 .1 articolo Gazzettino 1a serata.. maggio 18
5.2 articolo Il Popolo
 
 
 
 
 

Hai la possibilità di lasciare un apprezzamento positivo su Facebook e lasciare una recensione nei commenti se hai letto o comprato il libro.


Fawad Raufi su Facebook

Biblioteca Maria Santissima di Montevergine - Suore benedettine

via Ramiro Marcone, 56

83013 - Mercogliano (AV)

0825.787038

bibliomariassmt@virgilio.it

info@bibliotecasuoremontevergine.it

www.bibliotecasuoremontevergine.it

2017 - Copyright